Home

Su Arcoiris l'intervista ai rifugiati di Piazza Oberdan Milano

Su Arcoiris.tv NADiRinforma propone l'intervista a Paulos, un rifugiato proveniente dall'Eritrea, che come tanti altri ha avuto dall'Italia lo status di rifugiato solo sulla carta. Infatti, come prevede la convenzione di Ginevra, i rifugiati hanno dei diritti acquisiti nello Stato in cui vengono accolti, diritti negati in Italia.

Rifugiati in Piazza Oberdan

Roma 17 ottobre 2009: appello per la manifestazione nazionale

Il 7 ottobre del 1989 centinaia di migliaia di persone scendevano in piazza a Roma per la prima grande manifestazione contro il razzismo. Il 24 agosto dello stesso anno a Villa Literno, in provincia di Caserta, era stato ucciso un rifugiato sudafricano, Jerry Essan Masslo.
A 20 anni di distanza, il razzismo non è stato sconfitto, continua a provocare vittime e viene alimentato dalle politiche del governo Berlusconi. Il pacchetto sicurezza approvato dalla maggioranza di Centro-Destra offende la dignità umana, introducendo il reato di “immigrazione clandestina”.

Basta stragi in mare Libera circolazione per tutti senza condizioni

Comunicato stampa
Associazione antirazzista e interetnica “3 Febbraio”- Milano

Basta stragi in mare solidarietà e accoglienza per profughi e rifugiati.
Libera circolazione per tutti senza condizioni

milano: Libertà di manifestare per i rifugiati e per tutti

Questo appello è stato deciso dalle associazioni, le persone, ed i rifugiati presenti alla assemblea di martedì 16 giugno in Piazza Oberdan

Rifugiati: Il nostro diritto non è politico, è un diritto umano!

Il Comune di Milano ha deciso di scippare i nostri diritti silenziosamente, cosa inaccettabile, motivo per cui noi abbiamo dato vita ad una lotta per il nostro diritto ad un alloggio che ci è garantito dalla Convenzione di Ginevra del 1951 Noi viviamo in una situazione veramente orribile ed è per questo che pensiamo che la nostra richiesta sia molto seria e vada considerata, dal Comune di Milano il quale nei nostri incontri ha dimostrato di non avere un piano per dare risposta ai nostri diritti.